statuto

convenzione per il rinnovo del

centro interuniversitario di ricerca per l’economia sperimentale labsi

TRA

L’Università degli Studi di SIENA, con sede in Via Banchi di Sotto n. 55, Codice Fiscale 8002070524, rappresentata dal Magnifico Rettore Prof. Angelo Riccaboni nato a La Spezia il 24 Luglio 1959 e domiciliato per la sua funzione presso la sede dell’Università degli Studi di Siena, autorizzato alla stipula del presente atto con delibera del Senato Accademico del ………………………….. e del Consiglio di Amministrazione del ..................................................., nel seguito indicata come “Università di Siena;

E

L’Università degli Studi di Firenze, con sede in Firenze, Piazza S. Marco n. 4, Codice Fiscale 01279680480, rappresentata dal Magnifico Rettore, Prof. ……………………., nato a…………………………e domiciliato per la sua funzione presso la sede dell’Università degli Studi di .............................................., autorizzato alla stipula del presente atto con delibera del Senato Accademico del ……………………. e del Consiglio di Amministrazione del ______________________, nel seguito indicata come “Università di Firenze”;

E

La Seconda Università degli Studi di Napoli, con sede in Caserta, Viale Beneduce n. 10, Codice Fiscale 02044130615, rappresentata dal Magnifico Rettore Prof. _________________, nato a ____________________________ il _________________ e domiciliato per la sua funzione presso la sede dell’Università degli Studi di ............................................., autorizzato alla stipula del presente atto con delibera del Consiglio di Amministrazione del ______________________, nel seguito indicata come “Università di Napoli 2”.

E

L’Università degli Studi di Salerno con sede in Giovanni Paolo II°, 132, Codice Fiscale 80018670655, rappresentata dal Magnifico Rettore Prof. Aurelio Tommasetti, nato a Napoli il 02/05/1966 e domiciliato per la sua funzione presso la sede dell’Università degli Studi di Salerno, autorizzato alla stipula del presente atto con delibera del Consiglio di Amministrazione del ______________________, nel seguito indicata come “Università di Salerno”.

PREMESSO:

  • che con convenzione tra le Università di Siena, Firenze, Napoli 2 e Salerno è stato istituito nel 2008 il Centro Interuniversitario di Ricerca per l’Economia Sperimentale LABSI con sede presso l’Università degli Studi di Siena;
  • che l’originaria convenzione istitutiva del centro è scaduta il 03/11/2014 e va rinnovata e che quindi si è ravvisata la necessità di provvedere alla stesura di un nuovo testo convenzionale che regolamenti le attività del Centro in oggetto in sintonia con le normative vigenti;
  • che l'art. 17 del vigente Statuto dell’Università degli Studi di Siena prevede che per lo svolgimento di progetti di ricerca di durata pluriennale e di particolare rilevanza possono essere costituiti Centri di Ricerca che coinvolgono le competenze disciplinari di più Dipartimenti dell’Università o anche di altri Atenei italiani e stranieri;
  • che l'art. 12 del Regolamento delle Strutture scientifiche e didattiche dell'Università di Siena (D.R. n. 897 del 22 giugno 2012) contempla le modalità e le condizioni per la  costituzione dei Centri suddetti;

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE:

Art. 1 – Istituzione del Centro

1. Con la presente convenzione si dà atto che il “Centro Interuniversitario di Ricerca per l’Economia Sperimentale LABSI” istituito nel 2008  ha sede presso l’Università degli Studi di Siena – Dipartimento di Scienze Sociali, Politiche e Cognitive.

Art. 2 - Articolazione del Centro – Sede - Durata

1. Aderiscono al  Centro:

Università degli Studi di Siena –         Dipartimento di Economia Politica e Statistica

Università degli Studi di Siena –         Dipartimento di Scienze Sociali, Politiche e Cognitive

Università degli Studi di Firenze -       Dipartimento di Scienze per l’Economia e l’Impresa

Università degli Studi di Firenze -       Dipartimento di Statistica, Informatica, Applicazioni “G. Parenti”

Università degli Studi di Napoli 2 -     Dipartimento di Economia

Università degli Studi di Salerno -      Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche

2. Il Centro Interuniversitario di Ricerca per l’Economia Sperimentale LABSI  è rinnovato dal 04/11/2014 per la  durata di 6 anni e può essere rinnovato per uguale periodo previa verifica dell’interesse alla prosecuzione delle attività del Centro medesimo, con delibera del Consiglio Direttivo del Centro e degli organi collegiali degli Atenei convenzionati, ove non intervenga disdetta delle istituzioni contraenti, almeno 6 mesi prima della scadenza, con lettera raccomandata indirizzata al Direttore del Centro.

3. Il Centro Interuniversitario di Ricerca per l’Economia Sperimentale LABSI ha sede amministrativa presso l’Università degli Studi di Siena -  Dipartimento di Scienze Sociali, Politiche e Cognitive. (La sede amministrativa dovrà rimanere invariata anche nel caso di nomina di un Direttore che afferisce ad un Dipartimento diverso da quello cui ha sede amministrativa il Centro).

4. Il Centro può articolarsi in unità operative.

Ogni Università convenzionata potrà organizzare gli aderenti al Centro in una o più Unità di ricerca, la cui formazione, durata e responsabilità sono stabilite di volta in volta dai docenti e ricercatori che vi aderiscono, tenendo conto delle finalità del Centro e della presente Convenzione. Le Unità di ricerca gestiscono le rispettive attività di ricerca ed eleggono il Consiglio Direttivo.

Art. 3 - Obiettivi e finalità del Centro

1. Il Centro Interuniversitario di Ricerca per l’Economia Sperimentale LABSI viene costituito con le seguenti finalità:

a) promuovere l’utilizzo e la diffusione dei metodi sperimentali in economia attraverso il coinvolgimento di studiosi in possesso di competenze scientifiche diverse, appartenenti all'area dell'economia, delle scienze cognitive, della psicologia cognitiva e dell'organizzazione aziendale;

b) sviluppare e coordinare l’attività di ricerca in ambito sperimentale mettendo a disposizione di studiosi e ricercatori gli strumenti utili allo svolgimento di ricerche di laboratorio nelle scienze economiche e cognitive;

c) formare personale specializzato in grado di assicurare la consulenza e la collaborazione necessaria alla predisposizione e all’elaborazione dei dati sperimentali;

d) organizzare convegni, workshop, seminari e attività didattiche relative all’utilizzo dei metodi di laboratorio nelle scienze economiche e cognitive;

e) stipulare contratti e convenzioni per progetti di ricerca o collaborazione scientifica con Enti pubblici e privati.

 2. Allo scopo di favorire la circolazione di conoscenze ed esperienze di ricerca, il Centro promuove anche attività di collaborazione su temi ed argomenti conformi alle finalità del Centro:

a) cooperazione scientifica e didattica con altri Dipartimenti dell'Università di Siena e di altre Università, nonché con istituzioni scientifiche italiane o straniere;

b) promozione di convegni e seminari scientifici, di corsi di formazione e di aggiornamento, o di progetti di ricerca affidati a singoli ricercatori;

c) elaborazione di testi scientifici, divulgativi, e di sussidi didattici.

Art. 4 - Finanziamento del Centro

1. Al finanziamento del Centro si provvede mediante risorse finanziarie messe a disposizione dai Dipartimenti proponenti e l'utilizzazione di fondi specificamente assegnati al Centro o ai docenti che vi partecipano, da parte di Enti pubblici o privati, nonché di quelli del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) (previsti dall'art. 65 del D.P.R. 382/80); il Direttore è responsabile della gestione finanziaria e contabile del Centro. In particolare il Centro può disporre dei seguenti fondi:

a) eventuali contributi per il funzionamento erogati dalle strutture interessate;

b) assegnazioni per attrezzature scientifiche;

c) assegnazioni per la ricerca;

d) contributi di Enti e di privati versati anche a titolo di liberalità;

e) finanziamenti derivati da prestazioni a pagamento o da altro legittimo titolo;

f) ogni altro contributo specificamente destinato per legge o per disposizione del Consiglio di Amministrazione all’attività del Centro.

2. Resta inteso che il presente accordo non comporterà oneri aggiuntivi a carico degli Atenei stipulanti.

Art. 5 - Gestione amministrativo-contabile

1. La gestione amministrativo-contabile dei fondi, all’interno del Bilancio Unico di Ateneo Annuale Autorizzatorio, è affidata al Dipartimento sede amministrativa del Centro (Dipartimento di Scienze Sociali, Politiche e Cognitive dell'Università di Siena), che ai sensi dell’Art. 4 del  Regolamento per l’Amministrazione, la Finanza e la Contabilità dell’Università di Siena, modificato con D.R. n. 351 dell’8 marzo 2013, si configura come centro autonomo di gestione nel cui ambito è collocato il Centro Interuniversitario come centro di costo. I fondi a disposizione del Centro, contabilizzati nel bilancio del Dipartimento, sono gestiti dallo stesso in apposite partite contabili intestate al Centro.

2. Il Centro non ha autonomia patrimoniale. I beni acquistati dal Centro sono inseriti sul registro inventariale dell'Università sede amministrativa del Centro medesimo; detti beni saranno assegnati da parte del Direttore del Dipartimento (Consegnatario) al Direttore del Centro (Utente/sub-consegnatario). I beni concessi in uso al Centro dalle Università aderenti, saranno riportati a titolo ricognitivo, con l'indicazione della sede di allocazione fisica, nel registro dei beni non di proprietà tenuto in amministrazione centrale dalla Divisione Economato. Resta sottinteso che, per tali beni, dovrà essere sottoscritto un contratto di comodato d'uso. In sede di scioglimento, anche anticipato, del Centro o di recesso di aderenti, i beni acquisiti e riportati sul registro inventariale dell'Università degli Studi di Siena rimarranno di proprietà di quest'ultima. E' facoltà del Direttivo del Centro, tenendo conto delle esigenze della ricerca scientifica, proporre agli organi di governo dell'Università proprietaria dei beni, di deliberarne la sottoscrizione di un contratto di comodato d'uso c/o altro Ateneo convenzionato.

Art. 6 - Adesioni al Centro

1. Fanno parte del Centro i docenti e ricercatori delle Università di Siena, di Firenze, di Napoli 2 e di Salerno di cui all’Allegato “A” che costituisce parte integrante del presente Regolamento.

Art. 7 - Organi

1. Sono organi necessari del Centro di Ricerca: il Consiglio Direttivo, il Direttore e il Comitato Tecnico-Scientifico (art.12 comma 6. Regolamento delle Strutture scientifiche e didattiche dell'Università di Siena (D.R. n. 897 del 22 giugno 2012).

3. Il Consiglio Direttivo, in numero non superiore alle sette unità,  è scelto tra i docenti aderenti al Centro ed è composto da un rappresentante  per ogni Unità di ricerca, eletto dai docenti e dai ricercatori afferenti alle Unità di ricerca stesse. Esso dura in carica un triennio e può essere rinnovato una sola volta consecutivamente. Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza della maggioranza dei suoi membri. Sono ammesse deleghe; svolge funzioni deliberative in ordine alla programmazione e gestione delle attività istituzionali del Centro (art.12 comma 7. Regolamento delle Strutture scientifiche e didattiche dell'Università di Siena ).

4. Il Direttore è eletto, a maggioranza assoluta dei componenti, dal Consiglio direttivo tra i professori aderenti al Centro. Il Direttore è nominato con decreto del Rettore, dura in carica tre anni e può essere rieletto una sola volta consecutivamente. Egli svolge le seguenti funzioni: rappresenta il Centro, propone la stipula di contratti e convenzioni nei limiti stabiliti dai regolamenti e dagli atti di indirizzo degli organi di governo dell’Ateneo, presiede e convoca le riunioni del Consiglio, dà attuazione alle sue deliberazioni ed è responsabile del funzionamento del Centro. La gestione amministrativa e contabile dello stesso è affidata al responsabile amministrativo del Dipartimento sede del Centro (art. 12 comma 8, Regolamento delle Strutture scientifiche e didattiche dell'Università di Siena).

5. In caso di assenza o temporaneo impedimento, il Direttore può essere sostituito da un membro del Consiglio Direttivo da lui stesso designato.

6. Il Comitato Tecnico-Scientifico è composto da un rappresentante per ogni Unità di ricerca del Centro, eletto dai docenti e dai ricercatori afferenti alle Unità di ricerca stesse. Esso dura in carica tre anni. Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza della maggioranza dei suoi membri. Sono ammesse deleghe.  Il Comitato Tecnico-Scientifico ha il compito di stabilire le linee generali di programmazione tecnico-scientifiche delle attività del Centro e di assumere tutte le delibere di carattere scientifico.

Art. 8 - Relazione annuale

1. Il Centro di ricerca attiva forme di rendicontazione annuale scientifica, economica e gestionale delle attività compiute che  sono soggette a monitoraggio e a valutazione annuale da parte del Nucleo di Valutazione dell’Università di Siena. Gli esiti di tale monitoraggio e valutazione, unitamente della Relazione Annuale riepilogativa delle attività compiute, dei risultati conseguiti ed al rendiconto economico della gestione, sono trasmessi al Rettore, al Dipartimento sede Amministrativa, al Consiglio di Amministrazione ed al Senato Accademico per gli adempimenti di competenza.

2. Sarà cura inoltre del Direttore del Centro trasmettere tale Relazione ai Rettori delle Università convenzionate.

Art. 9 - Personale e collaboratori del Centro

1. Presso il Centro è possibile usufruire di borse di studio e di contratti di formazione e di addestramento erogati da Enti pubblici o privati, italiani e stranieri, secondo le normative in vigore.

2. Il Centro può cooptare, per attività di studio o di ricerca su argomenti congruenti con le finalità del Centro, studiosi italiani e stranieri, ricercatori ed esperti esterni.

3. Allo svolgimento delle altre attività realizzate presso il Centro può collaborare anche il personale tecnico-amministrativo in servizio presso i Dipartimenti aderenti, previo consenso degli interessati, d’intesa con i Direttori dei Dipartimenti aderenti, nei limiti delle disponibilità esistenti e in modo da non condizionare l’attività istituzionale di ciascun Dipartimento. Il Centro non può disporre di una pianta organica propria.

4. Il Centro può proporre la stipula di contratti di ricerca a tempo determinato con personale dotato di professionalità necessarie per la realizzazione di specifici progetti, con l’indicazione delle risorse a tale fine destinate.

Art. 10 - Norme finali e transitorie

1. Per quanto non previsto in questo atto vale quanto disposto dallo Statuto dell’Università di Siena dal Regolamento delle Strutture Scientifiche e Didattiche e dal Regolamento per l’Amministrazione, la Finanza e la Contabilità dell’Università degli Studi di Siena ed ogni altra disposizione di carattere generale in materia.

 

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI SIENA

IL RETTORE _______________________ 

IL DIRETTORE  del DPT. DI ECONOMIA POLITICA E STATISTICA __________________

IL DIRETTORE  del DPT. DI SCIENZE SOCIALI, POLITICHE E COGNITIVE__________________

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI FIRENZE

IL RETTORE _______________________ 

IL DIRETTORE  del DPT. DI SCIENZE PER L’ECONOMIA E L’IMPRESA__________________

IL DIRETTORE del DPT. DI STATISTICA, INFORMATICA, APPLICAZIONI “G. PARENTI” __________________

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI NAPOLI 2

IL RETTORE _______________________ 

IL DIRETTORE  del DPT. DI ECONOMIA

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI SALERNO

IL RETTORE _______________________

IL DIRETTORE  del DPT. DI SCIENZE ECONOMICHE E STATISTICHE__________________

 

 

 

 

 

SOTTOSCRIZIONE APPOSTA DIGITALMENTE AI SENSI DELL’ART. 15 DELLA L. 241/1990 E 21 DEL D.LGS. 82/2005

 

ALLEGATO “A”

ADESIONI AL CENTRO

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI SIENA

Dipartimento di Economia Politica e Statistica:

Prof. Marcello Basili, Associato

Prof. Luigi Bosco, Associato

Prof. Mauro Caminati, Ordinario

Prof. Luigi Luini, Ordinario

Dipartimento di Scienze Sociali, Politiche e Cognitive:

Prof. Francesco Farina, Ordinario

Prof. Alessandro Innocenti, Associato

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI FIRENZE

 

Dipartimento di Scienze per l’Economia e l’Impresa

Prof. Leonardo Boncinelli, Associato

Prof. Domenico Colucci, Ricercatore

Prof. Nicola Doni, Ricercatore

Prof. Lapo Filistrucchi, Ricercatore

Prof. Maria Grazia Pazienza, Associato

Prof. Chiara Rapallini, Ricercatore

Prof. Giorgio Ricchiuti, Ricercatore

Prof. Gianluca Stefani, Associato

Prof. Vincenzo Valori, Ricercatore

 

Dipartimento di Statistica, Informatica, Applicazioni “G. Parenti”

Prof. Daniele Vignoli, Ricercatore 

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI NAPOLI 2

 

Dipartimento di Economia

Prof. Patrizia Sbriglia, Associato 

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI SALERNO

 

Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche

 

Prof. Marcello D’Amato, Ordinario

 

Prof. Roberto Dell’Anno, Ricercatore

 

Prof. Marisa Faggini, Ricercatore

 

Prof. Shane Niall o’ Higgins, Associato

 

Prof. Annamaria Nese, Associato

 

Prof. Luigi Senatore, Ricercatore